Vai ai contenuti

13 agosto 2020

STORIA : LE VICENDE DELL'ASSOCIAZIONE > I NOSTRI CONCERTI


Reading Concert ... è così definita una forma di spettacolo che alterna musica e letture di poesie o aforismi, ed è quello che si è svolto la sera di giovedì  13 agosto 2020 nella bella cornice di Palazzo d'Avalos a Procida.
Organizzato dalla nostra associazione, con il patrocinio dell'amministrazione comunale dell'isola, ha visto protagonisti il trio d'archi San Giovanni ed il Gruppo Culturale Amato Libro che si sono alternati nell'esecuzione di brani musicali e recitazione.
Il tema era Le isole incontrano la musica e, tra un brano e l'altro, il gruppo Amato Libro composto da Maria Francesca Borgogna, Lino dell'Amura, Anna Galdieri, Rosario Esposito, Diana Melles, Iolanda Scotto di Minico, Rino Vacca e Vanda Veneziani, ha recitato brevi aforismi e pensieri poetici tutti dedicati alle isole.
Una serata davvero magica seguita da un pubblico attento che ha mostrato di gradire questo inedito connubio.
Il trio d'archi San Giovanni formato da Marco Musco violino, Svetanka Asatryan viola e Tina Pugliese violoncello, ha inteso dedicare alle vittime della pandemia in Italia la prima parte del concerto attraverso brani di musica barocca, e ad Ennio Morricone la seconda parte con celebri brani di colonne sonore da film. Una terza parte musicale con musiche per un buon auspicio di ritorno alla normalità.  
Si ringrazia l'associazione Palazzo D'Avalos per il sostegno e l'amministrazione di Procida, assessorato alla cultura, che ha permesso la realizzazione della serata inserita in un nutrito ed interessante programma di iniziative culturali per l'estate a Procida.

Riportiamo di seguito tutta la sceneggiatura completa e i brani eseguiti





Roberto Gabriele e Maurizio Parmiciano rispettivamente Presidente e Vicepresidente
dell'associazione Vivara illustrano e presentano la serata.

Inizia una voce fuori campo :

Procida
Baia sperduta: non più di venti barche a vela.
Reti, parenti dei lenzuoli, stese ad asciugare.
Tramonto. I vecchi guardano la partita al bar.
La cala azzurra prova a farsi turchina.
Un gabbiano artiglia l’orizzonte prima
che si rapprenda. Dopo le otto è deserto
il lungomare. Il blu irrompe nel confine
oltre il quale prende fuoco la stella.
Joseph Brodskyij (Premio Nobel per la letteratura 1987)

Diana Melles legge:

“Noi amici andavamo in gruppo sul
Monte Solaro e rispettosamente
Dicevamo buonanotte al Sole.
Restavamo tutta la notte a cantare,
ragionare di pittura, musica, poesia
fino a levar del Sole”
Alberto Marevna, 1912

Esecuzione dell'inno nazionale della Repubblica italiana

Rosario Esposito legge:

La profondità dell’amore crea un oceano intorno a te e tu diventi un’isola.
Budda

Lino dell'Amura legge:  

Più grande è l’isola della conoscenza, più lungo è il litorale della meraviglia.
Ralph W. Sockman

Vanda Veneziani legge:

A Capri quell’estate le pietre erano
Belle come statue e a volte le parole
Scintillavano.
Simone de Beauvoir, 1957

Esecuzione dell'Aria sulla IV corda di J.S. Bach

Vanda Veneziani legge:

Tu, isola benedetta, tu sei così
attraente e piena di fantasia, così
silenziosa, così tranquilla come se la
pace del cielo riposasse su di te.
Etienne Chevalley De Rivaz 1825

Iolanda Scotto di Minico legge :

Quella prima volta mi parve sorta
Appena dal mare, immergersi nella
luce, perdersi nell’azzurro del cielo,
chiuso in un sogno di poeta nel
sonno leggero d’una notte d’estate.
Alphonse de Lamartine

Esecuzione del Largo dal Serse di G.F. Händel

Lino dell'Amura legge:

Mediante l’elevazione interiore e la padronanza di sé, il saggio edifichi un’isola che l’alluvione non possa sommergere.
Budda

Maria Francesca Borgogna legge :

Quel che rimane senza tenebre e senza misteri, fuori delle dubbiezze e
della incertezza eterna dell’analisi scientifica, limpida e chiara alla
luce del giorno, è la pura visione estetica del cratere di Vivara, che sorgendo
dal pelago sonante con le forme dolcissime e armoniose delle sue rupi tinte
di caldi colori, ha espresso dal suo seno un verde ammanto di erbe e di
piante, su cui ride perpetua primavera. La bellezza dell’epico mare, che
si frange dentro e dintorno con orlo spumante, il profumo dei fiori e delle
erbe e lo spettacolo mirabile delle terre famose, che si svolgono alll’ingiro
come un cerchio d’incantamento, fanno certo di questo cratere uno dei punti
più belli e suggestivi del Golfo di Napoli.         
Giuseppe de Lorenzo, 1900

Esecuzione del Largo da Inverno (le quattro stagioni) di A. Vivaldi

Rosario Esposito legge:

Isole, isole dove non metteremo mai piede, isole dove non scenderemo mai.
Isole coperte di vegetazione. Isole acquattate come giaguari. Isole mute.
Isole immobili. Isole indimenticabili e senza nome.
Getto le scarpe fuori bordo e perché vorrei tanto venire fin lì.
Blaise Cendrars

Anna Galdieri legge :

Procida, mirabile per aspetto e per
atteggiamento, l’orlo della veste
colorata fruscia sui flessibili
giunchi, la cintura è irta di ricci di
mare e il seno è coperto di verdi alghe.
Giovanni Pontano, 1452

Esecuzione di Canone di J. Pachelbel

Iolanda Scotto di Minico legge :

Non c’è una casa, sospesa ai declivi
delle montagne, nascosta in fondo
alle gole, elevata sopra le spianate,
proietta sopra i promontori,
addossata al bosco di castagni,
ombreggiata dai pini, recinta dalle bianche arcate e dalle pergole
pendenti che non sia il soggiorno di un poeta o di un amante.
Alphonse de Lamartine

Lino dell'Amura legge:

Di là Capo Misero, e di qua
Procida, dove il re era a caccia.
possiede lì una piccola casa, ed è una
gran festa per lui potervi passare qualche giorno.
Charles de Brosses, 1739

Esecuzione di Nuovo Cinema Paradiso di E. Morricone

Rino Vacca legge :

L’islomania è descritta come una rara e sconosciuta sofferenza spirituale.
Ci sono uomini che ritengono in qualche modo le isole irresistibili;
la conoscenza che riescono a ottenere di qualcuna di esse, di questo piccolo mondo chiuso e circondato dal mare,
li colma di un’indescrivibile ebbrezza. Questi insulomani-nati sarebbero discendenti degli abitanti di Atlantide (Atlanteants)
e il loro subconscio aspirerebbe ardentemente alla vita insulare.
Lawrence Durrell “Riflessi di una Venere Marina” su una Venere Marina"

Maria Francesca Borgogna legge :

Lontana, davanti a loro, giaceva la bella isola di Capri, come una divinità marina, con le braccia aperte ad accogliere le acque gioiose del Mediterraneo.
Maunsel B.Field, 1852

Esecuzione di C'era una volta il West di E. Morricone

Diana Melles legge:

M’accorgo allora che tutta Caprile, tutte le facce delle sue case, guardano ad occidente per una comune nostalgia del mare,
che giù nel fondo, dietro il verde brillante degli orti, spazia leggero e arioso come celeste vapore.
Alberto Savinio, 1926

Anna Galdieri legge :

I miei sogni sono partiti verso di te
In questa sera azzurra,
leggeri come i fiori e dolci come i tuoi occhi…
Jacques d’Adelswaerd Fersen, 1903

Esecuzione di La Leggenda del Pianista sull'Oceano di E. Morricone

Rino Vacca legge :

Su per le colline verso la campagna la mia isola ha straducce solitarie chiuse fra antichi muri,
oltre i quali si estendono frutteti e vigneti che sembrano giardini imperiali.
Elsa Morante, 1957

Rosario Esposito legge :

Che meravigliosa serata!
il sole calava più rosso di quanto
non fosse stamane al suo sorgere
inquadrando fra sbuffi grigi
di nuvole il colore di Ischia,
ma molto più a nord,
anche più a nord di Nisida…
E.W. Hormung

Esecuzione di Moon River di H. Mancini

Iolanda Scotto di Minico legge :

Il bello di un’isola è che una volta che arrivi lì non puoi andare oltre…sei arrivato alla fine del mondo.
Fabrizio Caramagna

Lino dell'Amura legge:

Io sono nato in Sicilia, e lì l’uomo nasce isola nell’isola e rimane tale fino alla morte,
anche vivendo lontano dall’aspra terra natia, circondata dal mare immenso e geloso.
Luigi Pirandello

Esecuzione di Amarcord di N. Rota  

Vanda Veneziani legge :

Perché l’isola? Perché è il pinto dove io mi isolo, dove sono solo: è un punto separato dal resto del mondo,
non perché lo sia in realtà, ma perché nel mio stato d’animo posso separarmene.
Giuseppe Ungaretti

Maria Francesca Borgogna legge :

L’insularità, voglio dire, non è una segregazione solo geografica, ma se ne porta dietro altre:
della provincia, della famiglia, della stanza, del proprio cuore.
Da qui il nostro orgoglio, la diffidenza, il pudore; e il senso di essere diversi.
Gesualdo Bufalino

Esecuzione di Romeo e Giulietta di N. Rota  

Anna Galdieri legge :

Se nel golfo di Napoli c’è un luogo
Più delizioso ancora di tutto il resto,
questo è l’isola di capri. La natura
sembra aver qui riunito grandezza  e
solennità di forme a scene di quieta
bellezza e di pace bucolica.
Mrs C.V. Hamilton 1878

Diana Melles legge :

La città di Capri era bellissima,
un posticino infinitamente fascinoso
fatto di ville e di piccole limoneti e
di panorama sul golfo di Napoli e sul Vesuvio.
Non ho mai veduto un posto più incantevole per camminare.
Bill Bryson

Esecuzione di Valzer di D. Shostakovich

Rino Vacca legge :

Ecco Ischia sorridere
sulla liquida infinità;
ed ecco la più azzurra delle isole,
la quiete Capri, attendere
aprendo i cancelli di zaffiro
sull’incanto della sua luce.
Thomas Buchanan Read, 1855

Esecuzione di Minuetto di E. Elgar

Anna Galdieri legge :

Vista dal golfo, l’isola di Capri ha più o meno
La forma di due scarpe accostate:la
Punta della sinistra è messa contro il
Tacco della destra.
William Chauncey Langdon, 1887

Esecuzione di O Paese do' Sole di V. D'Annibale

Infine altri aforismi di Elsa Morante, Budda, Stendhal e Libero Bovio

Chiusura con esecuzione di Over the Rainbow di H. Arlen e l'ultimo pensiero di Lev Tolstoj :

La musica è la stenografia dell'emozione.
Emozioni che si lasciano descrivere a parole con tali difficoltà sono direttamente trasmesse nella musica,
ed in questo sta il suo potere e il suo significato.





Per una completa visualizzazione della pagina gira lo smartphone
Torna ai contenuti